cardini-musarra-grande-racconto-delle-crociate
Libri

“Il grande racconto delle crociate”, di Franco Cardini e Antonio Musarra

Longo è lo cammino, ma grande è la meta!”, intona il gruppo di pellegrini, diretti a Gerusalemme, in cui si imbattono Brancaleone e la sua armata nel celebre film di Monicelli. 

Eppure, ai tempi delle prime spedizioni in Terra Santa (sul finire dell’XI secolo) non avreste usato la parola “crociata” per definire l’impresa di pellegrini e cavalieri.

Il termine infatti, e il concetto stesso di “crociata”, sono frutto di un’elaborazione successiva, che risale almeno al XIII secolo; in origine, si utilizzavano parole come iter e peregrinatio, mentre i crociati erano i crucesignati, coloro che partivano per la Terra Santa con una piccola croce cucita sulla spalla o sul petto.

cardini-musarra-grande-racconto-delle-crociate-8

Luigi VII prende l’oriflamma e riceve la bisaccia da pellegrino da papa Eugenio III

È questa la prima considerazione con cui Franco Cardini e Antonio Musarra aprono “Il grande racconto delle Crociate”, una narrazione dettagliata non soltanto degli eventi, ma del fenomeno stesso delle crociate, lungo un arco temporale che parte dall’XI secolo e arriva agli inizi del Novecento, con numerosi accenni al nostro momento storico, l’epoca in cui sono i terroristi dell’Isis a rivendicare la loro guerra contro i “crociati” occidentali.

Un grande affresco storico

Lo si capisce dalla lettura dell’indice che questo “grande racconto” non vuole essere esclusivamente un resoconto delle spedizioni compiute in età medievale per la riconquista del Santo Sepolcro.

La prima parte del volume infatti si occupa della nascita del  concetto di crociata e delle spedizioni che tutti conosciamo, mentre la seconda metà è dedicata all’età moderna, il periodo in cui continua il contrasto tra il mondo occidentale e quello orientale, ormai rappresentato dall’onnipresente minaccia turca, che accompagnerà buona parte della storia d’Europa (non a caso, la terza parte del volume si apre con un capitolo intitolato “L’invenzione del Nemico”, che ci aiuta a capire quanto pregiudizi e ignoranza abbiano segnato i nostri rapporti con il mondo orientale).

cardini-musarra-grande-racconto-delle-crociate-7

La presa di Tripoli nel 1100

E il libro vuole colmare le lacune che ancora oggi possediamo sulla storia dei paesi islamici, non tralasciando mai di descrivere, accanto al racconto delle spedizioni occidentali, la situazione del mondo arabo, di tracciare il ritratto di personaggi come Saladino o Tamerlano, che tanto hanno segnato, e segnano ancora, il nostro immaginario occidentale.

Ma al tempo stesso, il volume aiuta a comprendere come il concetto di “crociata” sia mutato in Occidente in piena età medievale: dall’iter originario pensato per liberare Gerusalemme, alle guerre duecentesche contro le eresie, anche quest’ultime delle vere e proprie crociate combattute non più soltanto contro gli infedeli islamici, ma anche contro gli eretici. 

cardini-musarra-grande-racconto-delle-crociate-5

Presa di Gerusalemme

La Crociata quindi diventa un concetto chiave per comprendere la storia del mondo occidentale, perché è un’idea che tramonta e risorge continuamente nel corso dei secoli, cambiando frequentemente valenza e significato, fino ad arrivare agli ultimi utilizzi del termine: oggi sono i terroristi dell’Isis a parlare di crociata contro l’Occidente, appropriandosi di un termine che lo stesso mondo islamico per secoli ha ignorato.

Questa sorta di corto-circuito è raccontato nelle pagine finali del volume, dove si sottolinea come le spedizioni occidentali, genericamente definite  guerre dei franchi” nelle fonti islamiche, siano state rilette anche dall’Islam stesso nel corso dell’Ottocento.

Noi e gli altri, occidente e oriente

Non solo le sette crociate “canoniche” quindi, ma anche tutti gli eventi successivi che hanno caratterizzato il rapporto tra Occidente e mondo islamico, come la caduta di Costantinopoli, l’assedio ottomano di Vienna, il crollo stesso dell’impero Ottomano agli inizi del XX Secolo.

E grande spazio è dato all’Altro da noi, proprio quel mondo islamico che tendiamo a considerare come un blocco unico, e che invece è una realtà molto più complessa da analizzare e conoscere.

cardini-musarra-grande-racconto-delle-crociate-3

Scene della vita di Luigi IX

Questo è il messaggio profondo che un’opera così vasta(bellissime sono le centinaia di immagini che arricchiscono il volume) vuole comunicare: raccontare e studiare le guerre avvenute nei dieci secoli presi in considerazione non è soltanto un capriccio erudito, ma deve aiutarci a capire che lo “scontro di civiltà” di cui tanto si parla ultimamente non è un dato di fatto, ma una costruzione culturale, e che come tale può essere smontata.

Perché la vera minaccia sono l’incomprensione e l’ignoranza, non una fede e una cultura diverse dalle nostre.

Scheda del libro

Titolo: Il grande racconto delle crociate 

Autore: Franco Cardini e Antonio Musarra

Editore: Il Mulino

Anno: 2019

Prezzo: 48 €

Per acquistare online: Sito Il Mulino – IBS – LaFeltrinelliMondadori Store

TAGS
POST CORRELATI
3 Commenti
  1. Rispondi

    Antonio Musarra

    13 Dicembre 2019

    Molte grazie per la lucida, bella e profonda recensione! AM

    • Rispondi

      Alessio Innocenti

      14 Dicembre 2019

      Grazie davvero, la lettura del volume è stata una bella avventura e ci tenevo a condividerla, soprattutto per l’importante messaggio di tolleranza e rispetto che è presente in queste pagine 🙂

  2. Rispondi

    Antonio Musarra

    15 Dicembre 2019

    Ha colto a pieno lo spirito del volume! Ancora grazie! AM

Rispondi

Alessio Innocenti
Rome, IT

Chierico vagante, eterno studente, "perché la materia di studio sarebbe infinita/e soprattutto perché so di non        sapere niente".                           Sono laureato in Archeologia Medievale, e quando posso vado alla ricerca di borghi, castelli e abbazie, alla scoperta di un passato che è ormai scomparso, ma in qualche modo continua a sopravvivere.

Per qualsiasi informazione, curiosità o proposta di collaborazione, potete scrivere all’indirizzo: [email protected]

Iscrizione via mail

Se vuoi rimanere aggiornato sulla pubblicazione dei nuovi articoli, inserisci il tuo indirizzo e-mail.

Sarai avvisato alla pubblicazione di ogni nuovo contenuto.